Home Arte La mostra dell’ospedale Pini in trasferta a Monza

La mostra dell’ospedale Pini in trasferta a Monza

mostra
Fonte foto Lombardia Notizie

La mostra dal titolo “Folle Amore. Arte Musica e Teatro” attualmente ospitata a Palazzo Lombardia si sposta alla Villa Reale di Monza dove sarà aperta nelle giornate di giovedì 11 e venerdì 12 novembre.

Si tratta di 75 opere realizzate da 36 autori che hanno lavorato a stretto contatto con arte terapisti e artisti di professione e provengono dalle Botteghe d’Arte del Museo dell’ospedale Paolo Pini.

fonte foto Lombardia Notizie


L’esposizione si propone di far conoscere il mondo e l’ambiente del
Museo d’Arte Paolo Pini (MAPP) che è anche la sezione
artistica del Museo Regionale della Psichiatria dell’Ospedale Niguarda,
riconosciuto nel 2007 da Regione Lombardia come Raccolta Museale.

Il MAPP e le Botteghe d’Arte sono progetti ideati e realizzati dal 1993 da Teresa Melorio ed Enza Baccei e operano in collaborazione con ARCA Onlus, la Riabilitazione Psicosociale e il Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze dell’Ospedale Niguarda.
In questo contesto le Botteghe offrono laboratori di arti visive, danza, musica, canto, teatro, scrittura creativa oltre alla promozione del MAPP e alle visite guidate.

In vista del trasloco a Monza la mostra è stata visitata dal presidente della Regione Attilio Fontana, dagli assessori Stefano Bolognini (Sviluppo Città metropolitana, Giovani e Comunicazione) e Stefano Bruno Galli (Autonomia e Cultura) oltre che dal direttore generale dell’Ospedale Niguarda Marco Bosio.
“Sono particolarmente lieto di visitare questa mostra – ha detto Fontana – che è la testimonianza di un nuovo modo di interpretare la cura: la bellezza estetica è un valore curativo in sè”.

“La mostra ‘Folle Amore’ – ha spiegato Galli – sorprende e affascina per il grande valore artistico delle opere esposte. A dimostrazione di quanto la
formula adottata dal MAAP – affiancare gli artisti terapisti ad artisti
professionisti – sia incisiva e vincente perché consente la più
autentica e matura espressione pittorica”.