Home Città Metropolitana Week end di feste clandestine e assembramenti

Week end di feste clandestine e assembramenti

discoteca

Il week end appena trascorso è stato costellato da diverse feste, più o meno clandestine, caratterizzate da assembramenti e assenza di distanziamento sociale e che hanno coinvolto persone di ogni età.

Si comincia già dalla giornata di venerdì, in via Fiori Chiari a Brera, dove un gruppo di giovani è stato sorpreso a fare l’aperitivo proprio in mezzo alla strada.

Si passa quindi alla giornata di sabato e si riparte con le feste a cominciare da viale Bligny, zona sud della città dove i vicini, intorno alla una, chiamano la Polizia per urla e musica a tutto volume provenienti da un appartamento vicino.
Le Forze dell’ordine, al loro arrivo, trovano perfino la porta aperta e sorprendono 32 persone tra i 17 e i 21 anni. Identificati e sanzionati.

Ci si sposta in zona ovest, in via Fratelli Zoia, dove all’interno di un laboratorio si sono ritrovati in 19, età compresa tra 23 e 47 anni, per fare festa.
E ancora, tornando in zona centro, in piazza Sant’Eustorgio, poco dopo le 22:00 otto persone multate perché, in più, non avevano la mascherina.
Un tratto distintivo che ha caratterizzato anche una manifestazione di no vax in piazza Duomo, sempre sabato pomeriggio, e che ha portato a 57 sanzioni.
Un altro episodio è stato segnalato in viale Tunisia dove l’assembramento era all’interno di un appartamento affittato per l’occasione.

Non è andata meglio nell’hinterland con diverse feste segnalate in zona ovest a Corsico e Cesano Boscone con episodi che hanno coinvolto anche minorenni. A Sesto San Giovanni, a nord di Milano, le sanzioni hanno riguardato un bar con clienti a bere l’aperitivo seduti ai tavolini all’esterno.

Il caso più eclatante si è poi verificato nel parcheggio di un supermercato di Vaprio D’Adda, hinterland est, dove i Carabinieri hanno sorpreso un 25enne di origine marocchina, positivo al coronavirus, tranquillamente in giro senza rispettare l’obbligo di isolamento fiduciario. Con lui, denunciato a piede libero per epidemia colposa, sono stati sanzionati anche i suoi quattro amici, tra i 20 e i 23 anni, tutti con precedenti.