Home Prima Pagina Secondo arresto per evasione per l’imprenditore Baldan già ai domiciliari

Secondo arresto per evasione per l’imprenditore Baldan già ai domiciliari

evasione
fonte foto La Repubblica

L’imprenditore Antonio Giuseppe Baldan, titolare dell’omonima azienda di cosmetica e benessere che già scontava una pena ai domiciliari per reati tributari, ha ricevuto una seconda ordinanza di custodia cautelare per reati fiscali e fallimentari con un’evasione che si attesta sui 19 milioni di euro.

Con i proventi di questa attività, l’imprenditore avrebbe comprato un “taxi” veneziano, una moto, pagato trattamenti estetici alla ex moglie e viaggi per i figli. L’inchiesta, coordinata dal pm Roberto Fontana, ha portato all’arresto di altre due persone – Sandro Sansoni e Maria Liliana Tondi – grazie alla cooperazione con la Guardia di finanza di Lecco.

È stato quindi accertato che due società di Baldan Group, attive nella vendita di macchinari per l’estetica e per le quali la Procura aveva avanzato richiesta di fallimento, continuavano a operare in piena evasione fiscale, eludendo ogni adempimento, specie i debiti verso gli istituti di credito.
Tra le operazioni illecite rientravano anche le false fatture e l’acquisizione di una società di diritto colombiana non giustificata da ragioni imprenditoriali. Inoltre, per sottrarre i proventi di questa attività alla tassazione, Baldan e gli altri indagati avevano creato società fittizie nel Regno Unito, in Olanda, Svizzera e Germania.

Nell’ordinanza emessa dal gip Carlo Ottone De Marchi si legge: “La professionalità dimostrata da Baldan e dai suoi collaboratori nel commettere i reati contro il patrimonio e contro l’erario e la capacità di reinvestirne i profitti illeciti, con il concorso e la collaborazione di altri soggetti, portano a ritenere concreto il pericolo che gli indagati in forza del sistema illecito radicato messo in atto possano commettere altri delitti della stessa specie”.