Home cittadinanza attiva Giardino di via Mosso: firmato il patto tra Comune e cittadini per...

Giardino di via Mosso: firmato il patto tra Comune e cittadini per la sua gestione

giardino
Fonte foto Comune di Milano

Nella giornata di ieri è stato firmato un nuovo patto tra il Comune, le realtà del terzo settore, e gli abitanti del quartiere per far rivivere il giardino recintato di via Mosso, zona nord est della città.

Fonte foto Comune di Milano

“È un nuovo passo verso la rigenerazione urbana che sta cambiando il volto di questo quartiere – ha sottolineato l’assessore alla Partecipazione, Cittadinanza attiva e Open data, Lorenzo Lipparini con la partecipazione diretta dei cittadini nelle scelte e nella gestione delle attività che intendono realizzare. Perché i luoghi non siano solo più belli ma soprattutto resi vivi dalla presenza di chi abita in questo quartiere”.

Il Patto è frutto di un percorso partecipato iniziato nel 2020 sotto il coordinamento di B-CAM Cooperativa Sociale nell’ambito del programma Lacittàintorno di Fondazione Cariplo e ha portato alla realizzazione di due murales da parte del duo artistico Sten Lex.
Durante il processo di coprogettazione sono state organizzate serate di cinema in collaborazione con Cinevan, una giornata di pulizia con gli abitanti e incontri sull’uso dello spazio con il coinvolgimento di bambine e bambini di una classe II dell’I.C.S. Giacosa condotti da Spaziopensiero.

Il Patto nasce per garantire la sicurezza di questo giardino e costruire un palinsesto di attività culturali intorno a quattro iniziative:
– il libro e la lettura per fare da cerniera tra quartiere e scuola;
– il riuso per pratiche diffondere le pratiche di riciclo e risparmio;
– la bellezza per promuovere con l’arte urbana e il giardinaggio uno spazio aggregativo e partecipato con la attraverso la trasformazione artistica di panchine e punti luce e la creazione di un giardino multisensoriale;
– un tavolo per condividere, l’organizzazione di attività ludiche e la realizzazione di piccoli orti coinvolgendo gli abitanti del quartiere.

Solo qualche giorno fa, il 29 aprile, era stato firmato un patto simile per gli spazi riqualificati delle ex piscine del parco Trotter.