Home Coronavirus Parco Trenno: al via la vaccinazione covid

Parco Trenno: al via la vaccinazione covid

Trenno
Fonte foto Corriere.it

Questa mattina, alla presenza del ministro della Difesa Lorenzo Guerini, del governatore Fontana e del vicesindaco Anna Scavuzzo, due delle 8 linee del centro di somministrazione drive through creato dall’Esercito al Parco di Trenno sono state adibite alla somministrazione del vaccino.

Destinatari il personale della scuola, con il preparato AstraZeneca.
“Sono qui anche per testimoniare l’impegno delle nostre Forze Armate in uno dei punti in cui stiamo svolgendo il nostro lavoro – ha detto il ministro Guerini – . Sono 138 i Drive Through allestiti dalla Difesa per dare impulso al tracciamento in tutto il Paese, di cui 28 in Lombardia. Questo è un esempio dell’evoluzione di questa attività, in cui all’attività di tracciamento si affiancheranno dei poli vaccinali come quello di oggi. L’obiettivo è utilizzare le nostre risorse in collaborazione con i sanitari per somministrare vaccini”.

Il centro di Trenno, nella zona sud ovest di Milano, ha una superficie di 2.000 metri quadrati, impiega personale medico e infermieristico dell’Esercito e a pieno regime potrà effettuare 2.000 vaccinazioni al giorno.
Sarà aperto dal lunedì al sabato con orario 08:30 – 17:30 e tutta la procedura avverrà senza scendere dall’auto in un lasso di tempo di circa 30 minuti.
Per il momento e in attesa degli altri vaccini, le altre 6 linee di lavoro resteranno dedicate ai tamponi e ai test sierologici.

“La gente è arrivata ai limiti della capacità di sopportare le continue privazioni di libertà e ai limiti della capacità di sostenere economicamente le sue attività, quindi abbiamo bisogno di accelerare – ha aggiunto Fontana – Realizzare centri vaccinali è stato fondamentale. La struttura è pronta, e anche l’organizzazione: ora dobbiamo solo aspettare i vaccini per iniziare quella di massa, che è quello di cui abbiamo bisogno.
Stiamo iniziando un’operazione che deve essere rapidissima per essere efficace e sarà fondamentale l’arrivo dei nuovi vaccini.
Confidiamo molto in Johnson&Johnson, che è monodose e sarà più facile”.

Il centro di Trenno sarà destinato a ospitare la vaccinazione di massa.