Mandò in coma anziano per una rapina, condannato a 11 anni

L'aggredito riceverà una provvisionale di 20mila euro

Chestor Caldararu, il cittadino rumeno di 29 anni che lo scorso 20 aprile ha mandato in coma un anziano di 78 anni picchiandolo e facendogli sbattere la testa sul terreno in via Valtorta, è stato condannato a undici anni di carcere con rito abbreviato per tentato omicidio. Il 78enne stava tornando a casa con le buste della spesa quando è stato brutalmente assalito dall’aggressore.

Nel caso specifico è stato incastrato dalle telecamere di sorveglianza dello stabile davanti al quale è avvenuto l’episodio contestato. Per decisione del giudice per l’udienza preliminare che ha emesso la sentenza di condanna, Maria Vicedomini, Caldararu dovrà pagare in aggiunta una provvisionale di 20mila euro alla sua vittima. Attualmente il 29enne cittadino ha in corso altri due procedimenti giudiziari per altrettante rapine avvenute con le stesse modalità rispetto a quella del 20 aprile.