Home Prima Pagina Revivre e Quanta alla fase decisiva di Coppa Italia

Revivre e Quanta alla fase decisiva di Coppa Italia

La Revivre Milano conquista il primo obiettivo stagionale: accedere alla Final Eight di Coppa Italia. Ci riesce grazie al netto 3-0 contro Vibo Valentia (25-17, 25-21, 25-19) che porta la squadra di Andrea Giani a quota 21 punti in classifica, gli stessi dello scorso anno, in quinta posizione.

“Eguagliare il record di punti nel girone d’andata come lo scorso anno è certamente una cosa importante sia per la squadra sia per la società – dice lo stesso Giani a fine partita parlando al sito della società – , ma noi dobbiamo guardare sempre avanti. Il nostro obiettivo era fare cinque punti nelle ultime quattro partite e con la vittoria su Vibo siamo arrivati a sei. Adesso ci aspetta l’ultima sfida del girone d’andata a Perugia contro una grande, e queste partite ci servono non solo per la classifica, ma anche perché vogliamo crescere. Se ci fermassimo al traguardo dei 21 punti conquistati, sarebbe un errore, perché Milano deve essere ambiziosa. Se vogliamo fare dei grandi step, dobbiamo lavorare molto. Ora che abbiamo preso il ritmo, dobbiamo continuare a spingere perché noi dobbiamo crescere e anche le altre squadre cresceranno. Siamo a metà a stagione ed è una stagione molto lunga. Noi non dobbiamo porci dei limiti e se ce li poniamo, faremo dei passi indietro”.

Buone notizie arrivano anche in prospettiva del nuovo anno, dato che le prevendite dell’evento al Forum del 13 gennaio contro l’Azimut Modena stanno confermando la bontà della scelta. Nella speranza, ovviamente, che si accorcino i tempi per tornare definitivamente in città grazie alla costruzione del nuovo Palalido.

Accede alla fase decisiva della Coppa Italia anche il Milano Quanta di hockey inline, dominatore nella quarta fase della competizione con un netto 7-1 ai danni di Asiago. A segno Baldan e Ferrari con una doppietta a testa, Comencini, Barsanti e Banchero. Accedono alla Final Six, oltre a Milano, anche Diavoli Vicenza (16-0 sull’Old Style Torre Pellice), Cittadella (6-4 contro lo Sportleale Monleale) e Cus Verona (3-1 al Real Torino). Le quattro perdenti si affronteranno tra loro il 5 gennaio, le due vincenti si uniranno alla truppa di cui sopra per disputare il 22-23 febbraio la Final Six.

Continua invece tra enormi difficoltà l’avventura dell’Hockey Milano Rossoblu, dopo la decisione della società di liberarsi dei pezzi pregiati della rosa per risparmiare e provare a programmare subito in vista della prossima annata. I meneghini perdono anche in casa dei Fassa Falcons, con il punteggio di 7-3. La contesa si apre con il gol di Terzaghi, ma è una breve illusione. Dopo la “sveglia” del primo gol subito i padroni di casa reagiscono infilando quattro volte la porta avversaria, tre con Gran e una con Iori. Platzer e Borghi accorciano, prima che Fassa scappi nuovamente grazie a Castlunger, Iori e Ostman. Il risultato consente ai vincitori di accorciare a -1 su Milano, che resta terzultima ma con un gap minore da poter gestire sull’avversaria più vicina (11 a 10). Prossimo appuntamento all’Agorà Stadio del Ghiaccio contro l’HC Pustertal alle 19 del 22 dicembre.

Giornata in chiaroscuro per il rugby di Milano e dintorni. Vince l’Asd contro l’Edilnol Biella, perdono Cus Milano in casa della Pro Recco e Parabiago in trasferta contro l’Accademia Nazionale Francescato. Importante e largo il successo dei biancorossi, 49-10, in una gara con ben poca storia. Va subito in meta Ragusi, quindi in calcio piazzato di Perry riduce la distanza a 5-3 prima che Iannone si scateni con una meta e due piazzati per il 18-3 di fine primo tempo. Il divario si allarga nel secondo con le mete di Motta, Morisi, ancora Motta, Antinori e Gorietti. Per gli ospiti va a segno oltre la linea di fondo campo soltanto Panigoni. Va male al Cus, battuto dalla Pro Recco, nonostante un avvio positivo. Al 19′, infatti, gli ospiti sono avanti 12-7 con le mete di Dunde e Colombo, dopo la prima segnatura di Romano per i liguri. Avignone e Monfrino ribaltano il punteggio fino al 21-12, la meta di punizione della ripresa fissa il 28-12 conclusivo. E’ invece 24-12 il finale di Accademia Francescato-Rugby Parabiago. Anche in questo caso gli ospiti hanno un momento di vantaggio al 15′ con la meta tecnica dopo la segnatura di Michelini (5-7). Fusco, Mastandrea e Lucchesi lanciano i padroni di casa, Volta Pupilli sigla il 24-14 con cui terminano le ostilità. In graduatoria dominano ancora i Sitav Lions con 32 punti, Accademia Francescato 26 e Asd Rugby 24, più in giù il Rugby Parabiago a 16 e il Cus Milano Rugby che chiude la graduatoria a quota 5.