Home Arte La mostra Qualcos’altro di Mario Schifano inaugura a Milano

La mostra Qualcos’altro di Mario Schifano inaugura a Milano

Qualcos'altro - Mario Schifano
Qualcos'altro - Mario Schifano

Inaugura mercoledì 22 gennaio 2020 alla Galleria Gió Marconi la mostra di Mario Schifano dal titolo Qualcos’altro, che sarà visitabile fino al 20 marzo 2020.

La galleria Gió Marconi di Milano presenta la mostra Qualcos’altro, curata da Alberto Salvadori in collaborazione con l’Archivio Mario Schifano e imperniata su alcuni monocromi del periodo 1960-1962, una forma creativa a cui l’artista comincia a dedicarsi dal 1959.

Questi smalti su carta intelata vengono presentati per la prima volta alla galleria la Salita (1960) di Roma, in occasione di una collettiva, e l’anno successivo nella personale alla Tartaruga (1961).

Con i suoi monocromi Schifano intende proporre un nuovo modo di vedere e di fare pittura rendendola uno “schermo” e attribuendole un nuovo punto di vista: il risultato sono quadri originali in grado di stupire, nonostante a quell’epoca il monocromo fosse una forma artistica abbastanza comune ad artisti come Lucio Fontana, Piero Manzoni e Yves Klein.

Essendo una pittura radicalmente rinnovata, i monocromi somigliano quasi a cartelloni pubblicitari e si compongono solo di smalti industriali dall’effetto lucido e coprente e di un colore steso in maniera non uniforme sulla carta da pacchi. 

Il titolo della mostra si riferisce a un’opera del 1960 che Schifano realizza ad appena ventisei anni e a un polittico del 1962 che è in esposizione. Qualcos’altro, quasi uno slogan pubblicitario, indica forse la volontà dell’artista di dipingere qualcosa di totalmente diverso da quanto si vedeva in giro. Al tempo stesso, è anche una dichiarazione programmatica: il monocromo diventa il luogo di proiezione perfetto per mettere a fuoco nuovi dettagli.

Alle opere verrà affiancato un nucleo di lavori su carta degli stessi anni e, per l’occasione, sarà pubblicato un giornale della mostra in formato tabloid con contenuti inediti dell’artista e un contributo di Riccardo Venturi e Alberto Salvadori.

Info e orari: http://www.giomarconi.com/