Home Città Metropolitana Cronaca Corruzione a Seregno, indagini chiuse

Corruzione a Seregno, indagini chiuse

La Procura di Monza ha dichiarato chiuse le indagini riguardo alle accuse di corruzione, usura e abuso d’ufficio contestati a quindici persone iscritte nel registro degli indagati riguardo a quanto avvenuto all’interno del Comune di Seregno. Tra questi figurano Massimo Ponzoni, ex assessore della Regione Lombardia, l’imprenditore Antonino Lugarà, l’ex sindaco di Seregno Edoardo Mazza, l’ex segretario comunale Francesco Maltese.

Il comune risulta commissariato dallo scorso 26 settembre, dal momento dell’arresto dell’ex primo cittadino, il sopra citato Edoardo Mazza e dell’imprenditore Lugarà. Entrambi sono attualmente in libertà in attesa di giudizio.

L’inchiesta “Seregno uno” è stata ultima dal pm Salvatore Bellomo e ha portato all’iscrizione nel registro di nuovi indagati, come il segretario comunale Motolese e l’ufficiale giudiziario Vincenzo Corso. In più, per chi già era iscritto, sono state aggiunte altre accuse oltre a quelle già presenti.