Omicidio Savarino, cambia l’accusa per Stizanin: omicidio volontario

Quattro anni fa era stato condannato per il solo reato di favoreggiamento

E’ cambiata in omicidio volontario l’accusa mossa dalla Corte d’Appello di Milano per Milos Stizanin, nomade di origine serba ritenuto responsabile di aver travolto e ucciso il vigile urbano Niccolò Savarino il 12 gennaio 2012, a Milano. Con lui c’era anche Remi Nikolic, a bordo del suv con cui è stato investito il pubblico ufficiale. La Corte d’Appello, che ha rinviato gli atti alla Cassazione, ha quindi annullato la sentenza di quattro anni fa attraverso la quale Stizanin era stato condannato a due anni e mezzo di reclusione, questo perché era stato ritenuto colpevole del solo reato di favoreggiamento.

In questo modo i giudici milanesi hanno accolto la tesi avanzata durante il processo dal sostituto procuratore generale Sandro Celletti nonché delle parti civili. Tra queste ultime figura anche il Comune di Milano.