Home Coronavirus Uno studio inglese ha esaminato il long covid

Uno studio inglese ha esaminato il long covid

coronavirus

Il King’s College di Londra ha condotto uno studio per esaminare gli effetti del long covid ovvero il persistere di sintomi a molti mesi dalla diagnosi e nonostante il tampone di controllo negativo.

Il testo, già pubblicato sulla rivista Nature ha valutato 4.182 casi in un periodo compreso tra il 24 marzo e il 2 settembre 2020. La valutazione avveniva attraverso una specie di diario elettronico giornaliero a cui si accedeva tramite app.

I risultati hanno evidenziato:
– 13,3 per cento dei partecipanti ha segnalato sintomi dopo 28 giorni dalla diagnosi;
– il 2,3 per cento manifestava sintomi dopo 12 settimane dalla diagnosi, tra cui affaticamento, mal di testa, dispnea – difficoltà respiratorie e anosmia – perdita dell’olfatto.
Gli scienziati hanno evidenziato che i sintomi erano più frequenti in caso di obesità, tra gli anziani e nei pazienti di genere femminile.

Per quanto riguarda l’incidenza dei sintomi:
– Stanchezza (97,7 per cento dei casi);
– Mal di testa (91,2 per cento);
– Problemi cardiaci (6,1 per cento);
– Difficoltà di memoria o concentrazione (4,1 per cento).

Carole H. Sudre, autrice dello studio, ha spiegato: “Sappiamo che l’infezione può manifestarsi con un ampio spettro di gravità, che spazia dalle forme asintomatiche fino alla possibilità di decesso del paziente.
Il nostro studio prospettico potrebbe contribuire a definire delle condizioni che rendono più elevato il rischio di sperimentare una forma grave di Covid-19 e individuare i metodi più efficaci per intervenire in questo senso”.

“Gli individui che riportavano più di cinque sintomi durante la prima settimana – ha specificato Claire J. Steves, terza firma dell’articolo – avevano più probabilità di sviluppare sintomatologie a lungo termine, e i più predittivi erano affaticamento, cefalea, dispnea, voce rauca e mialgia”.

“Tramite l’app Symptom Study – ha concluso Benjamin Murray, altra firma della ricerca – abbiamo chiesto ai partecipanti di indicare quotidianamente il loro stato di salute, i sintomi e i risultati di eventuali test Covid-19. Abbiamo rilevato che gli individui con lungo Covid avevano maggiori probabilità di aver richiesto una valutazione ospedaliera durante la degenza. L’unica condizione preesistente significativamente associata alla manifestazione di sintomi a lungo termine sembrava essere l’asma”.

Questa potrebbe dunque la via per capire, a partire dai sintomi sviluppati e da situazioni patologiche pregresse, se il paziente svilupperà o meno il long covid.

Servono, come spesso accade in questi casi, ulteriori dati numerici.