Home Politica Regione Lombardia, cosa riapre e cosa no a partire da oggi

Regione Lombardia, cosa riapre e cosa no a partire da oggi

Dopo l’ultimo Dpcm del Governo nazionale, la Regione Lombardia ha preso le sue decisioni in materia di riapertura riguardo ai singoli comparti, a partire dalla giornata di oggi 18 maggio.

“Dopo l’approvazione del Dpcm del premier Conte, avvenuta solo nel tardo pomeriggio di domenica 17 maggio, il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha firmato l’ordinanza sul Covid riguardante le riaperture di domani, lunedì 18 maggio – si legge nella nota dell’ente locale – In Lombardia potranno riprendere le attività di musei, ristoranti, bar, parrucchieri, estetiste e molte altre attività commerciali. Sul territorio regionale si tornerà a celebrare le funzioni religiose“.

Permane l’obbligo della misurazione della febbre per i clienti dei ristoranti, mentre non riapriranno palestre e piscine. “Su tutto il territorio regionale – si legge ancora – permane l’obbligo di portare la mascherina o altri indumenti utili a coprire le vie respiratorie anche all’aperto. Così come restano in vigore le disposizioni previste nella precedente ordinanza in tema di organizzazione del lavoro, a partire dalla misurazione della febbre per il datore e per i dipendenti”.

L’ordinanza regionale relativa al Covid per le riaperture avrà effetto da lunedì 18 a domenica 31 maggio.