Home Città Metropolitana Bambini dietro le sbarre, a Milano “la partita con papà”

Bambini dietro le sbarre, a Milano “la partita con papà”

L’associazione Bambini senza sbarre ha organizzato per la giornata del 5 dicembre l’iniziativa “La partita con papà”, per dare la possibilità ai bimbi figli di detenuti di disputare una gara di calcio assieme al proprio genitore. Un evento organizzato nelle strutture carcerarie sparse per l’Italia, a Milano e dintorni ha riguardato Bollate, San Vittore e Opera. Nella prima di queste tre l’arbitro d’eccezione della partita è stata Regina Baresi, capitano dell’Inter femminile, figlia di Beppe e nipote di Franco, campioni rispettivamente di Inter e Milan a cavallo degli anni ’80 e ’90. I ragazzini in campo avevano un’età compresa tra i 5 e 12 anni, secondo i dati raccolti dall’organizzazione nel nostro Paese sono centomila quelli in Italia che hanno un genitore in carcere e il lavoro svolto dall’organizzazione mira a non emarginarli e a curarne i rapporti interpersonali proprio con le madri e i padri rinchiusi dietro le sbarre.
E’ dello scorso anno la firma a Roma del rinnovo del Protocollo-Carta dei Diritti dei figli di genitori detenuti, grazie alla quale esistono nove articoli che tutelano i diritti dei più piccoli, decidendo le decisioni e le prassi da adottare in materia di ordinanze, sentenze ed esecuzione della pena, le visite dei minorenni all’interno degli Istituti penitenziari, gli altri tipi di rapporto con il genitore detenuto, la formazione del personale dell’Amministrazione penitenziaria e della Giustizia minorile, le informazioni, l’assistenza e la guida dei minorenni figli di genitori detenuti, la raccolta dei dati che forniscano informazioni sui figli dei genitori detenuti, per rendere migliori l’accoglienza e le visite negli Istituti penitenziari, la permeanza, in casi eccezionali, in carcere dei bambini qualora per il genitore non fosse possibile applicare misure alternative alla detenzione, l’stituzione di un Tavolo permanente e l’istituzione di un tavolo permanente, trimestralmente convocato dall’Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza