Home Ambiente Patto Comune-cittadini: Borgo Chiaravalle

Patto Comune-cittadini: Borgo Chiaravalle

progetti

Il Comune di Milano va avanti con il progetto del patto di collaborazione territoriale coinvolgendo, questa volta, Borgo Chiaravalle e l’unico parco pubblico del quartiere.

La riqualificazione coinvolgerà l’area di via San Bernardo nel Municipio 5, zona sud della città, adiacente alla ex Scuola Sciesa.
A firmare il Patto sono stati sedici cittadini, tra cui sette bambini e bambine, l’associazione culturale Terzo Paesaggio e l’Associazione Borgo di Chiaravalle – ABC.
I lavori inizieranno già a partire da oggi con la creazione della “quinta fiorita”’ con la messa a dimora dei semi di fiordaliso, papavero e frumento, all’ingresso del Giardino.

Poi seguiranno le attività culturali e di aggregazione tra adulti e bambini del Borgo, come letture collettive, laboratori artistici, incontri educativi legati alla natura, merende condivise.
Il Comune, come in tutti i Patti di collaborazione già siglati in altri quartieri, si farà carico di alcuni impegni come prevedere la chiusura serale del Giardino, mettere a disposizione lo spazio per la posa di una bacheca, di una casetta dei libri e di una lavagna a muro, posare una rastrelliera per le biciclette.

Alla sigla ufficiale del Patto hanno preso parte anche il presidente del Municipio Natale Carapellese e Gaia Romani, assessore ai Servizi civici, con delega alle Politiche in materia di trasparenza e partecipazione , che ha osservato: “Chiaravalle è un tesoro di grande valore storico e agricolo per Milano e sono molto felice di questo nuovo Patto di collaborazione, che è il primo per il Borgo ma anche il primo del mio mandato”.

“Stiamo lavorando – ha aggiunto – affinché i municipi diventino i nuovi protagonisti dei prossimi patti, mantenendo sempre la supervisione del Comune ma dando loro, così come ai loro abitanti, gli strumenti per gestirli con maggior autonomia. Nell’ottica di una città più partecipata è fondamentale che cittadini e cittadine possano davvero essere al centro del cambiamento e della valorizzazione dei quartieri”.