Home moda I numeri del comparto moda

I numeri del comparto moda

clima

Alla vigilia della settimana della moda, che animerà la città dal 21 al 27 settembre, l’Ufficio Studi della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi ha diffuso i dati sullo stato di salute del comparto risultato di uno studio di settore.

Per l’edizione in procinto di partire si tratterà, ancora una volta, di un’edizione che combinerà eventi in presenza ad altri digitali con una netta prevalenza di quelli del primo tipo, anche sulla scia del successo del recente Super Salone.

Le aspettative sull’evento, per il settore di traino della nostra economia, sono alte e trovano conferma nella crescita dell’export.
Tra le province di Milano, Monza Brianza e Lodi il settore moda comprendecirca 12.500 imprese attive e conta, in termini di posti di lavoro, oltre 82.000 addetti che per la sola Milano si traducono in 10.410 imprese e oltre 73.600 addetti. Per quanto riguarda la tipologia, si tratta in  maggioranza di imprese manifatturiere alle quali si sommano 7.500 attività del commercio al dettaglio e all’ingrosso. Sul loro numero i dati individuano una variazione del -2,9%, dato comunque in recupero rispetto al -3,7% rilevato nel confronto giugno 2020/giugno 2019.

Positivo il dato degli scambi internazionali. Cresce nei primi sei mesi del 2021 l’export di  moda, che vale più di 4 miliardi di euro tra Milano, Monza e Lodi.  Rispetto allo stesso periodo del 2020, l’export cresce del 38,8% e rispetto al secondo trimestre 2019, dati pre Covid, le  esportazioni del settore crescono di +1,1%. Stati Uniti, Cina, Francia, Corea del Sud e Regno Unito sono le principali destinazioni.  Trainano, rispetto al 2019, la Cina con  +14,2%, la Francia con +4,8%, la Corea del Sud con +10,9%, il Regno Unito con +74%.

“La moda è un simbolo dell’eccellenza del Made in Italy – ha sottolineato Elena Vasco, Segretario generale della Camera di commercio – un settore economico concreto e dinamico che fa di Milano la capitale della fashion industry nel mondo. È da qui che dobbiamo ripartire, proiettandoci con queste realtà imprenditoriali nel futuro”.

A proposito di futuro e del futuro nella moda in particolare, riprendono gli incontri del ciclo Età Ibrida che dedicano a questo settore l’incontro di lunedì 20 settembre alle 18:00.