Home Prima Pagina Legge Bacchelli per il compositore Dante Vanelli, originario di Lodi

Legge Bacchelli per il compositore Dante Vanelli, originario di Lodi

legge
Fonte foto il cittadino.it

Il Consiglio dei Ministri ha deciso, in via straordinaria, di estendere i benefici della legge Bacchelli, il sussidio in forma di vitalizio rivolto a personaggi che hanno portato fama al nostro Paese ma versano in condizioni di gravi difficoltà, ad altre tre personalità.

I nuovi beneficiari sono Giovanni Mapelli, scultore del legno di origine siciliana, Dante Vanelli pianista, compositore e musicista originario di Lodi e Walter Cerquetti, giornalista, sceneggiatore, regista, ideatore e conduttore.
Il M° Vanelli ha iniziato a suonare il pianoforte all’età di soli 8 anni e a 12 ha firmato la sua prima composizione dal titolo “La Pietà”. Ha al suo attivo oltre cinquanta componimenti che ha avuto modo di eseguire nei principali teatri, in Italia e all’estero.

La legge è stata approvata nel mese di agosto del 1985 ed era nata per aiutare lo scrittore, drammaturgo e critico Riccardo Bacchelli, autore de “Il mulino del Po” scritto tra il 1938 e il 1940 e pubblicato solo nel 1957. Per paradosso, fu proprio il primo beneficiario a non usufruire dell’assegno dato che morì due mesi dopo l’approvazione. La decisione sulle nuove assegnazioni spetta al capo del Governo previa comunicazione al Parlamento e approvazione da parte del Consiglio dei Ministri.

Tra i beneficiari più illustri del provvedimento si ricordano: la poetessa Alda Merini, l’attrice Alida Valli, l’eroe di guerra Giorgio Perlasca.