Home Milano Zona 2 Cronaca Milano Zona 2 Un giardino dedicato ai bambini del mondo

Un giardino dedicato ai bambini del mondo

giardino
fonte foto Comune di Milano

Piazza Luigi di Savoia, accanto alla Stazione Centrale, cambia volto per ospitare il “Giardino delle bambine e dei bambini di tutto il mondo”.

Il nuovo spazio, dotato di cancelli di ingresso, sarà dunque aperto ai piccoli e ai loro accompagnatori tutti i giorni con orario 08:00 – 20:00.
Per l’inaugurazione la scelta è caduta sul 27 maggio, giornata nella quale ricorre il trentesimo anniversario della ratifica da parte dell’Italia della Convenzione ONU sui diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza.

Per l’occasione, erano presenti il sindaco Sala, l’assessore all’urbanistica Pierfrancesco Maran e alcuni bambini della scuola elementare I.C.S. Ciresola. A proposito di questo nuovo spazio il Sindaco ha commentato: “Sono fiero che sia UNICEF a occuparsi dell’animazione di questo giardino: le attività di gioco che saranno proposte ai bambini permetteranno loro di scoprire diritti, principi e valori universali, aiutandoli a crescere come donne e uomini di domani solidali e consapevoli”.

fonte foto Comune di Milano

Ha quindi aggiunto: “Purtroppo, le zone vicino alle stazioni sono spesso esposte a situazioni di degrado e di abbandono che rendono difficile la vita nel quartiere. Riqualificarle deve essere la stella polare per gli amministratori: è nostro dovere garantire ai nostri concittadini opportunità di socialità e svago, in sicurezza e nel rispetto della legalità”.
Sala ha poi ricordato che il progetto è la sintesi della collaborazione tra il Comune e “Cantiere Centrale” che riunisce anche il Municipio 2 e Grandi Stazioni Retail, che ha realizzato e finanziato l’intervento con 300mila euro di contributi aggiuntivi.

fonte foto Comune di Milano

Il contributo di UNICEF sarà ora quello di animare questo spazio con iniziative rivolte ai bambini e alle famiglie su temi come i diritti dei più piccoli, il rispetto e la cura del verde urbano e la sostenibilità ambientale.
“Ci auguriamo – ha detto Alberto Colorni, presidente del comitato provinciale UNICEF – che il giardino, pensato per una fruizione da parte di bambini e bambine, diventi un luogo dove realizzare eventi e attività che promuovano i diritti degli under 18.   In questo senso siamo stati e saremo coinvolti: ci piacerebbe sviluppare iniziative con le ragazze e i ragazzi che vivranno questo luogo e personalizzare il giardino con le loro idee”.