Home Prima Pagina Virus aviario: uno studio cinese invita a un monitoraggio del fenomeno

Virus aviario: uno studio cinese invita a un monitoraggio del fenomeno

vaccino

La rivista scientifica Science ha pubblicato uno studio di due ricercatori cinesi che evidenzia l’insorgere di un nuovo virus aviario potenzialmente dannoso anche per l’uomo.

Lo studio è stato portato avanti da Weifeng Shi del Shandong First Medical University and Shandong Academy of Medical Sciences di Ji’nan e George Fu Gao del Chinese Centre for Disease Control and Prevention di Pechino.

L’articolo è stato accompagnato da una nota dell’American Association for the advancement of Science che ne riassume i contenuti e descrive l’esistenza del patogeno H5N8, della famiglia dell’influenza aviaria, che ha colpito la fauna selvatica e di allevamento in un’area che va dall’Europa all’Asia nel corso del 2020 facendo registrare casi di trasmissione anche nell’uomo, a dicembre dello scorso anno. In termini numerici si parla di 46 paesi interessati da questa epidemia che sta portando all’abbattimento di migliaia di esemplari e che ha fatto registrare sette contagi, proprio in un allevamento di polli, in Russia.

Alla luce di questo quadro i due scienziati sostengono che: “la rapida diffusione globale di questo virus dell’influenza aviaria (AIV) e la sua dimostrata capacità di attraversare la barriera di specie, trasmettendo all’uomo, lo rende una delle principali preoccupazioni non solo per l’agricoltura e la sicurezza della fauna selvatica, ma anche per la salute pubblica globale”. Da qui l’invito alle autorità competenti a vigilare su questo fenomeno per evitare che si trasformi in una nuova emergenza sanitaria globale.