Home Arte Pavia: la cultura riparte dai Musei Civici

Pavia: la cultura riparte dai Musei Civici

Pavia
Fonte foto prima Pavia

Pavia torna a vivere la cultura grazie alla riapertura, il prossimo 7 maggio, dei Musei Civici del Castello Visconteo.

Si potrà accedere agli spazi dal mercoledì al lunedì dalle 10:00 alle 18:00 con l’ultimo ingresso alle ore 17:30. Nel giorni festivi, nel rispetto della normativa covid, sarà obbligatoria la prenotazione con almeno 1 giorno di anticipo.

Per i visitatori la prima novità riguarderà il nuovo allestimento della Sala del Modello Ligneo del Duomo di Pavia nella quale si potranno ammirare il restauro del manufatto, realizzato con il contributo della Regione Lombardia e il sostegno dell’Associazione Amici dei Musei e Monumenti Pavesi, con l’inserimento di un basamento che ancora mancava e la posa di un pavimento luminoso all’interno del modello che ne evidenzia la ricchezza e la cura dei dettagli.

A seguire, i visitatori troveranno la mostra “Hidden Portraits, Identità S-velate”, aperta per un solo mese nel 2020 e ora prorogata fino al 4 luglio. Presenta le rielaborazioni fotografiche di dipinti antichi – dal Rinascimento al XIX secolo –  da parte dell’artista tedesco Volker Hermes.
Nelle sue opere ritorna spesso il tema della maschera che, alla luce della pandemia, è sia ciò che nasconde un volto sia ciò che lo protegge.

Nel cortile del Castello, inoltre, fanno poi bella mostra di sè le due installazioni battezzate “iGiganti al Castello” che propongono: il ritratto di Anna Bolena di Frans Pourbus il Giovane, proposta nella sua versione originale e in quella rivisitata da Hermes e “l’Accusa Segreta” di Francesco Hayez, dipinto simbolo delle collezioni dei Musei Civici di Pavia.

Durante il periodo di chiusura sono stati ripensati anche gli spazi della biglietteria e del bookshop che sono stati arricchiti con la presenza di statue provenienti dai depositi del Museo e mai esposte prima.