Home Città Metropolitana Trezzano sul Naviglio: arrestato il comandante della Polizia Locale

Trezzano sul Naviglio: arrestato il comandante della Polizia Locale

agente

Il comandante della Polizia locale di Trezzano sul Naviglio, Salvatore Furci, è stato arrestato questa mattina. Insieme a lui anche un uomo di origine albanese.

Il provvedimento di custodia cautelare in carcere è stato disposto dal gip Anna Magelli su richiesta del procuratore aggiunto Alessandra Dolci e del pm Gianluca Prisco.

Le indagini che hanno condotto all’arresto, si inseriscono nel quadro di una vendetta personale. Nel 2018, infatti, Furci aveva vinto il concorso per il ruolo di capo della Polizia di Corbetta, hinterland ovest di Milano.
L’allora capo della Polizia Lia Vismara, però, non aveva convalidato la sua nomina e, dopo il periodo di prova, Furci era stato costretto a tornare all’incarico di agente nella Polizia di Milano.
Nel gennaio del 2020 Furci era poi diventato comandante di Trezzano ed è allora che decide di danneggiare Vismara. Nel corso dello stesso mese, infatti, a seguito di una segnalazione anonima, nell’auto del comandante, sotto il sedile anteriore, vengono ritrovati alcuni grammi di cocaina.

Gli inquirenti però intuiscono che in questa vicenda c’è qualcosa di poco chiaro e così la Squadra Mobile decide di fare degli approfondimenti a partire proprio dagli atti redatti in fase di perquisizione. A seguire le indagini si sono spostate sui filmati delle videocamere presenti sul luogo dove era parcheggiata l’auto ispezionata per finire con la telefonata che segnalava la presenza di stupefacente. L’uomo, infatti, si era presentato come colui che aveva venduto la dose al comandante Vismara ricevendo in cambio soldi falsi.

Gli inquirenti hanno così capito che Furci aveva orchestrato tutta la vicenda e si era avvalso, per la parte esecutiva, della complicità del cittadino albanese che si era prestato a posizionare la droga e a effettuare la falsa testimonianza. IL raffronto tra la sua voce e la telefonata anonima, benché avesse tentato di contraffare la voce, sono risultate uguali.
Da questi fatti è seguito l’arresto effettuato questa mattina.