Home Politica La scomparsa di Carlo Tognoli, ex sindaco di Milano

La scomparsa di Carlo Tognoli, ex sindaco di Milano

Tognoli
Fonte foto Corriere.it

Carlo Tognoli, sindaco di Milano dal 1976 al 1986 è scomparso nella tarda mattinata di oggi.

Aveva 82 anni ed era stato colpito dal coronavirus nel corso della sua degenza all’ospedale Gaetano Pini per una frattura al femore. Era stato poi trasferito a San Donato per la riabilitazione. Era rientrato nella sua abitazione solo da pochi giorni.

Da sempre iscritto nelle liste del Psi, dopo l’esperienza come sindaco, era stato prima europarlamentare e poi deputato. La sua attività politica si era protratta fino al 1992 quando aveva deciso di ritirarsi.

Numerosi i messaggi di cordoglio, trasversali a tutti gli schieramenti politici.
“Carlo Tognoli, un pezzo della storia milanese, della Storia Socialista  – ha scritto Bobo Craxi – e anche della nostra vita che se ne va”.
Sua sorella Stefania Craxi ha ricordato: “Dopo mesi di travagli e sofferenze è venuto a mancare un grande uomo, una personalità di primo piano della storia italiana e milanese e del socialismo […].
Ricordo con profondo dolore e commozione un compagno leale e sincero, tanto nella buona che nella cattiva sorte, dotato di un acume politico raffinato e di un poderoso bagaglio di conoscenza, associato ad un tratto umano che solo le grandi intelligenze e le grandi personalità posseggo. Con Carlo, uomo tra i più vicini a mio padre Bettino, viene meno un pezzo della mia vita, un amico sempre prodigo di consigli, un uomo coraggioso impegnato fino all’ultimo, sul piano della memoria, nella battaglia socialista”.

“Milano piange la scomparsa di Carlo Tognoli – ha scritto il sindaco Sala – , un grande sindaco della nostra città, un uomo politico concreto e aperto alle riforme. Un milanese vero. per me un maestro e un amico sincero. Mi unisco al dolore della famiglia”

“Un sindaco stimato nel mondo e amato dai milanesi – ha aggiunto Silvio Berlusconi – un uomo politico preparato, lucido, consapevole, dotato di una grande visione e di una grande passione per la sua città. Uno dei migliori sindaci della storia di Milano”.