Home Alloggi Parco Lambro: il primo ufficio che integra uomo e natura

Parco Lambro: il primo ufficio che integra uomo e natura

natura
Fonte foto Kengo Kuma & Associates

Il primo ufficio biofilico, in cui si fondono le dimensioni del lavoro e della natura, è ai nastri di partenza nella ex zona industriale Rizzoli, vicino al parco Lambro, quadrante est della città.
Promotrice di questo visionario progetto è la piattaforma indipendente Europa Risorse che ha intuito la ne-cessità di dare vita ad uno spazio di lavoro a misura d’uomo, nel completo rispetto della natura e perfetta-mente integrato e modellato nell’ambiente.
I lavori, che saranno ultimati nel 2024, si avvalgono della progettualità di uno studio all’avanguardia nell’ar-chitettura organica che propone, da sempre, costruzioni che si fondono nel contesto, utilizzando materiali naturali e innovativi. Nel caso di questo progetto sono previsti il calcestruzzo per le fondamenta e l’interrato, acciaio e legno per le parti visibili degli edifici.
Altri standard impiegati riguarderanno le emissioni zero di CO2, l’uso di energie rinnovabili, il controllo dei consumi, il recupero dell’acqua, la piantumazione di verde e le specie endemiche.
Inoltre, il sistema di generazione di energia per il riscaldamento e il raffreddamento, con l’utilizzo dei panelli fotovoltaici, permetterà di raggiungere la massima sostenibilità dei lavori.
Il progetto prevede la realizzazione di:
– Uffici, auditorium, spazi di co-working, hall riservate agli incontri di lavoro;
– Ristoranti e lounge, negozi, un supermercato, un’area wellness, luoghi per eventi temporanei e mostre;
– Una piazza, ricca di vegetazione e circondata da colline;
– Le corti open air, destinate al lavoro informale e agli incontri;
– Le terrazze, concepite come estensioni degli spazi esterni, che ospiteranno orti, giardini fioriti, cammina-menti;
– Le serre, luoghi speciali di lavoro ma anche di intrattenimento e svago;
Il progetto sarà parte integrante del tessuto urbano esistente. Milano, infatti, è stata scelta come sede ideale in cui l’architettura del passato e quella del futuro convivono in perfetta armonia.