Home Milano In Città Arte e cultura 12 Assessori alla Cultura uniti per il rilancio del settore

12 Assessori alla Cultura uniti per il rilancio del settore

cultura

La pandemia ha segnato una drastica battuta di arresto per tutto ciò che è cultura.
Per questo, gli assessori che se ne occupano nei rispettivi comuni di Roma, Milano, Torino, Bari, Venezia, Firenze, Ancona, Bologna, Cagliari, Napoli, Genova e Palermo si sono riuniti in un coordinamento che ha dialogato sia con il Ministero preposto sia con ANCI – l’associazione che riunisce i Comuni italiani.

Le loro proposte si possono riassumere in:
– Riaprire i siti con un protocollo unico per garantire la continuità del presidio culturale sul territorio, assicurare lavoro e fiducia e fornire ai cittadini alternative di svago controllate e sicure;
– Riaprire musei e altri luoghi di cultura anche nei weekend, nel rispetto di ogni norma anti covid prevista in attesa di un protocollo unico per garantire così la conservazione del patrimonio e l’accesso in questi luoghi a tutti i lavoratori del Paese;
– Creare un Tavolo permanente tra Enti locali e Ministero competente oltre alla creazione di un sottosegretariato con delega ai rapporti con ANCI per concordare politiche culturali unitarie;
– La creazione di un fondo speciale destinato alla ripartenza delle città sul piano culturale.

Gli assessori coinvolti, in una nota congiunta, hanno fatto sapere: “Queste proposte nascono dall’esperienza di governo locale e dall’impegno continuo e costante nella tutela della produzione, della programmazione e del lavoro culturale.
Con il senso pratico che distingue il mondo delle città, a un anno dall’inizio della nostra collaborazione, vogliamo allinearci a quanto sostenuto dal Presidente del Consiglio Mario Draghi nella replica al Senato: “Il rischio è di perdere un patrimonio che definisce la nostra identità”.
[…] Molto è stato fatto, serve fare ancora di più’”.