Home Coronavirus Il Ministero della Salute ha sospeso l’analisi del piano vaccinale lombardo

Il Ministero della Salute ha sospeso l’analisi del piano vaccinale lombardo

vaccino

Il Ministero della Salute ha interrotto l’esame del piano vaccinale elaborato dal nuovo responsabile regionale Guido Bertolaso e che prevedeva di vaccinare tutta la popolazione lombarda entro il mese di giugno di quest’anno.

La motivazione della sospensione è stata spiegata con la necessità di coordinare in maniera più precisa le iniziative regionali con quanto sarà previsto dal nuovo piano nazionale.

Una decisione che non è piaciuta al governatore Fontana che ha commentato: “Il piano che proponeva di vaccinare 10 milioni di italiani residenti in Lombardia era stato inviato ieri […] come contributo lombardo e best practice da proporre anche a livello nazionale”.

Il piano era dettagliato al punto da indicare il numero di persone da vaccinare su base giornaliera – tra le 119mila e le 137mila – oltre a indicare risorse, spazi e servizi da attivare 24 ore su 24.
In questo gigantesco sforzo collettivo dovevano essere mobilitati Protezione civile, oltre 400mila volontari e 400 associazioni tra cui la Croce Rossa italiana, le Misericordie e gli Alpini.

L’intenzione era quella di utilizzare come modello il drive-in già utilizzato per i tamponi, oltre a spazi inutilizzati come i terminal aeroportuali, le palestre e le discoteche.