Home Coronavirus Le agevolazioni per nidi e scuole per l’infanzia

Le agevolazioni per nidi e scuole per l’infanzia

nidi
Fonte foto Comune di Milano

La Giunta comunale ha approvato una revisione dei contributi che le famiglie versano per le scuole per l’infanzia e, in particolare, per l’accesso ai 103 nidi comunali a gestione diretta, alle 35 strutture in appalto, ai 108 nidi convenzionati e alle 37 sezioni primavera per l’anno educativo 2020/2021.

Questa decisione è stata presa in considerazione delle chiusure imposte dall’andamento dell’epidemia.
Nello specifico, i provvedimenti riguardano:

– Il Ricalcolo forfettario al 50% delle quote relative alle mensilità durante le quali si sia verificata un’interruzione dell’erogazione del servizio di almeno 10 giorni continuativi, esclusi sabato, domenica ed eventuali festività a causa della chiusura per quarantena della struttura o della singola sezione;

– La conservazione del posto per i bambini che non hanno frequentato il servizio in caso di assenza superiore a 30 giorni connessa alla quarantena obbligatoria;

– Il mancato pagamento anticipato dell’intero importo annuale della quota.

Una serie di provvedimenti per andare incontro alle difficoltà, anche economiche, delle famiglie come ha spiegato Laura Galimberti, assessore all’Educazione: “Nonostante la macchina sia stata messa a dura prova dall’emergenza sanitaria, il Comune, anche quest’anno, ha garantito il servizio per i più piccoli, sia per i nidi sia per le sezioni primavera. Questa ulteriore disposizione ha comportato uno sforzo importante degli uffici degli assessorati al Bilancio e all’Educazione, che riteniamo però doveroso perché consapevoli dei tanti sacrifici che le mamme e i papà stanno affrontando in questi mesi”.