Home Prima Pagina Vasta operazione contro la pedopornografia

Vasta operazione contro la pedopornografia

reddito

Sono durate due anni le indagini che hanno portato allo smantellamento di una vasta rete di pedopornografia online in un’operazione di Polizia che è stata ribattezzata “Luna Park”.

Sul campo oltre 300 uomini della Polizia postale impegnati in perquisizioni e arresti, spesso in flagranza di reato, distribuiti in 53 province e 18 regioni italiane.
Buona parte dell’attività investigativa, coordinata dai procuratori aggiunti Fusco e Mannella insieme ai sostituti Barilli e Tarzia, si è svolta online con infiltrazioni degli agenti del Centro nazionale per il contrasto della pedopornografia online nei gruppi di Whatsapp e Telegram – ne sono stati identificati 159 – nei quali sono stati rintracciati 432 utenti.

Questi gruppi avevano poi regole molto stringenti per accedere e mantenere l’anonimato.
Immaginabile il tenore dei filmati sequestrati che ritraevano violenze su minori che arrivavano, in alcuni casi, a includere perfino i neonati.

Tra i gestori di questi gruppi sono stati identificati un napoletano 71enne e un disoccupato di Venezia di 20 anni a riprova della trasversalità dell’azione criminale che non fa differenza per professione o età o provenienza geografica.

Sul fronte italiano dell’indagine, che ha permesso di risalire anche all’identità di alcuni utenti a partire da un nickname, le regioni con il più alto tasso criminale – si parla del 35% degli indagati – sono risultate Lombardia e Campania.

A livello internazionale, invece, sono stati identificati 351 utenti per i quali sono stati disposti i relativi arresti grazie alla cooperazione internazionale tra i diversi uffici di Polizia.

Insieme agli arresti gli agenti hanno provveduto al sequestro di telefonini, tablet, hard disk, pen drive, computer, account di email e profili social.
Rintracciati anche gli account utilizzati per la richiesta del materiale pedopornografico.