Home mappe Il sistema idrico lombardo è online

Il sistema idrico lombardo è online

sistema idrico lombardo
Fonte foto groppocap.it

Il progetto WebGIS ha messo a disposizione della rete così come a una eterogenea tipologia di visitatori la mappa del sistema idrico lombardo di oltre 1.000 comuni lombardi che si è ampliata negli anni successivi alla nascita del progetto nel 2012.

A questa piattaforma hanno aderito 9 aziende territoriali di gestione delle acque: BrianzAcque (Monza e Brianza), Uniacque (Bergamo), Lario Reti Holding (Lecco), SAL (Lodi) e le ultime arrivate Pavia Acque, Padania Acque (Cremona), Acque Bresciane e Alfa Varese.
Si è voluto così creare uno spazio unico di accesso alle informazioni sulla rete e la sua cartografia per le esigenze più diverse sfruttando il GIS – Geographic Information System e l’interattività del web.

Questo permette, inoltre, di condividere informazioni in tempo reale sul sistema idrico lombardo e su tutte le strutture legate al servizio con la possibilità di consultarle anche in modalità remota.
La piattaforma si avvale di un team di gestione di 40 persone che monitora i dati relativi a oltre 60 mila km di rete pari a circa due terzi del territorio lombardo.

I livelli di accesso alle informazioni variano a seconda della tipologia di utente che, per questo, avrà diversi livelli di accesso alle informazioni:
– I tecnici delle aziende idriche hanno a disposizione il sistema nella sua versione completa con informazioni utili all’operatività quotidiana;
– I cittadini possono trovare notizie aggiornate sui cronoprogrammi dei cantieri;
– I professionisti si possono documentare sui dati relativi alle reti del sottosuolo e alle informazioni delle reti tecnologiche, grazie ai protocolli d’intesa concordati con le varie categorie di ordini professionali dagli architetti ai periti;
– I tecnici comunali hanno accesso ai dati delle reti e delle manutenzioni;
– I comuni possono consultare la cartografia del proprio territorio, il database topografico e i dati delle reti e delle manutenzioni oltre a poter dialogare via web con le aree tecniche.