Home Coronavirus Coronavirus: come è cambiato per sfuggire alle difese immunitarie

Coronavirus: come è cambiato per sfuggire alle difese immunitarie

long covid

Uno studio italiano ha esaminato le mutazioni del coronavirus per valutare come cerca di oltrepassare le difese del nostro sistema immunitario.
La conclusione è che una mutazione è in atto, in alcune parti del virus, ma il fenomeno non è così grave da inficiare l’uso di un vaccino nel quale tutto il mondo spera in questo momento.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Molecular Ecology è stato condotto dal Laboratorio di Biologia computazionale dell’Irccs Eugenio Medea di Bosisio Parini (Lecco), in collaborazione con Mario Clerici dell’università Statale di Milano e Fondazione Don Gnocchi.
Sono finiti sotto esame oltre 15mila sequenze di coronavirus isolate in varie regioni del mondo durante i primi 6 mesi di pandemia.

Quando il virus attacca il nostro organismo, il sistema immunitario genera due tipi di risposte: da parte delle cellule tramite i linfociti T e da parte degli anticorpi. I virus, quindi, mutano per cercare di eludere questa doppia sorveglianza. Gli scienziati hanno quindi cercato di prevedere le regioni delle proteine virali riconosciute dal sistema immunitario, i cosiddetti epitopi.

Quindi li hanno messi in rapporto con i linfociti e gli anticorpi per vedere se e dove si verificavano mutazioni. Il risultato è stato molto preciso: le regioni di coronavirus riconosciute dagli anticorpi sono particolarmente variabili. Ecco dunque che il virus è mutato nel tempo rispetto all’inizio della pandemia.

La risposta ai linfociti T, per contro, è pressoché nulla e questo avviene anche nel caso dei virus responsabili del comune raffreddore.
Questo aspetto ha indotto gli studiosi a pensare che il virus possa modulare la risposta immunitaria dell’ospite a suo vantaggio, e cerchi così di indurre tolleranza da parte delle cellule T.

“Questi dati – hanno concluso gli scienziati – chiaramente indicano che sarà fondamentale monitorare nel corso del tempo la variabilità genomica di Sars-CoV-2, per essere pronti a identificare la comparsa di nuove mutazioni che possano consentire al virus di eludere la risposta anticorpale, naturale o determinata da un eventuale vaccino.
Al momento, non sussistono elementi di preoccupazione in quanto la grande maggioranza delle varianti presenti nelle regioni riconosciute da anticorpi è rara”.