Home Ambiente Raccolta differenziata: Lombardia tra le regioni virtuose

Raccolta differenziata: Lombardia tra le regioni virtuose

app

L’ultimo censimento sulla raccolta differenziata realizzato dal Consorzio nazionale imballaggi – Conai – ha premiato la Lombardia che, grazie a una crescita dell’11%, si colloca tra le regioni virtuose insieme a Marche, Sardegna, Trentino Alto Adige e Veneto.

L’analisi ha riguardato 797 mila tonnellate di rifiuti e ha restituito un dato regionale pro-capite che si attesta sugli 88 chili composti in prevalenza da vetro e plastica seguiti da legno e acciaio.
Il censimento ha mostrato luci e ombre della raccolta differenziata su tutto il territorio nazionale: se la media si aggira sul 70% del materiale recuperato, in linea con le direttive europee, esiste una distanza tra nord e sud per quanto riguarda gli impianti di selezione e gli stabilimenti che trasformano i rifiuti.

Secondo il presidente del sistema consortile, Luca Ruini si potrebbe intervenire in due modi: con nuovi investimenti in questo importante settore destinando parte dei fondi che arriveranno con il Recovery Fund e intervenendo sulla normativa per incoraggia l’utilizzo dei materiali di recupero, magari proponendo degli incentivi fiscali.

Ruini ha poi commentato: “Siamo riusciti a garantire il ritiro dei rifiuti differenziati anche durante i mesi più bui del lockdown, quando gli impianti si stavano saturando perché la chiusura di molte attività aveva abbattuto la richiesta di materia da riciclo. Il trend di crescita si è confermato nel primo semestre di quest’anno così difficile […].
Se pensiamo al consumo di vino e birra, ad esempio, la produzione di vetro a casa è salita con i lockdown. Una crescita di volumi che in Lombardia è stata gestita da un sistema in grado di assorbire senza problemi l’aumento dei quantitativi”.

Tornando alla raccolta, dai dati Conai è emerso che ogni provincia ha la sua peculiarità, spesso legata alla  presenza di impianto specializzato nel recupero di un determinato materiale.
Quindi la provincia di Cremona ha il primato per i conferimenti degli imballaggi in acciaio, Bergamo di alluminio, Brescia del legno, Mantova per carta e plastica e Sondrio per il vetro.