Home Coronavirus Gli effetti del nuovo Dpcm e la campagna di prevenzione della Regione

Gli effetti del nuovo Dpcm e la campagna di prevenzione della Regione

prevenzione
La campagna di prevenzione della Regione - Fonte Foto Regione.Lombardia.it

L’assessore al welfare Giulio Gallera è tornato a parlare della situazione sanitaria all’indomani del varo del nuovo dpcm del Governo.

A proposito delle restrizioni che riguardano le chiusure anticipate alle 18:00 per bar, ristoranti, pasticcerie e gelaterie e la chiusura di palestre, piscine, cinema e teatri, Gallera ha ricordato che i primi effetti del provvedimento si vedranno solo tra 15 giorni.
Per quanto riguarda il sistema sanitario Lombardo, non siamo di fronte alla situazione di marzo dal momento che i posti disponibili in terapia intensiva sono circa 1.800.
L’attività importante, ora, è riuscire a mantenere operativi i reparti non covid per le patologie più gravi cercando di ottimizzare le prestazioni mediche e chiudendo le attività non urgenti.

Il tracciamento in regione prosegue così come la somministrazione dei tamponi che ha registrato fino a 30.000 test eseguiti in un solo giorno.

Sulla decisione di chiudere tutto, senza distinzioni, Gallera ha commentato: “Per una palestra ti dovevi prenotare, il numero di persone era limitato, gli attrezzi erano sanificati. Bisogna essere selettivi. Siamo in una situazione complicata, il Governo ha fatto scelte non facili, le attività però forse potevano essere selezionate meglio. Adesso ci sono due, tre settimane davanti e poi vedremo”.

Nel frattempo la Regione ha lanciato una campagna per sottolineare l’importanza della prevenzione e si chiama “The Covid dilemma”. Sarà diffusa attraverso affissioni, spot televisivi e web su tutto il territorio lombardo e si articolerà in una serie di domande che obbligano a una scelta.
Tutto questo per indicare come l’azione del singolo sia in realtà strettamente legata al benessere e alla tutela della salute di tutti:
– Indossare la mascherina o indossare il respiratore?
– Lavarsi spesso le mani o lavarsene le mani?
– Essere negativi o negazionisti?
– Fermare il virus o fermare il sistema sanitario?
– Evitare i luoghi affollati o affollare le terapie intensive?