Home Città Metropolitana Cronaca Nuovo piano operativo per la gestione di alloggi e occupazioni firmato in...

Nuovo piano operativo per la gestione di alloggi e occupazioni firmato in Prefettura

Prefettura

Negli uffici della Prefettura a Milano, è stato siglato un nuovo piano operativo per la gestione delle case popolari e il contrasto all’occupazione abusiva.

Erano presenti il Prefetto di Milano Renato Saccone, la vicesindaco e assessore alla Sicurezza del Comune di Milano Anna Scavuzzo, l’assessore alle Politiche Sociali, Abitative e Disabilità della Regione Lombardia Stefano Bolognini, il Presidente di Aler Mario Angelo Sala e il Presidente di MM SpA Simone Dragone.
Questo accordo va a integrare, di fatto, quello siglato nel 2014 che aveva lo scopo di coordinare le azioni di lotta all’occupazione abusiva, gli interventi di assistenza alle famiglie con fragilità e la messa in sicurezza degli alloggi recuperati.
Tutte le attività previste nel nuovo piano recepiscono le nuove politiche di assegnazione delle abitazioni e tengono conto degli investimenti pubblici per il recupero e la riqualificazione del patrimonio abitativo.
Nel nuovo piano rientrano anche gli interventi di prevenzione e controllo nei quartieri e la tutela attiva del patrimonio in termini di messa in sicurezza degli alloggi.
La Prefettura, inoltre, coordinandosi con il Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza, sarà impegnata a monitorare quartieri o condomini che presentano delle criticità e che possono richiedere l’intervento delle forze di Polizia.
Sono, inoltre, previsti progetti di riqualificazione destinati all’accoglienza temporanea di nuclei familiari con fragilità. Per gli alloggi da dedicare a questa specifica funzione, è previsto un contributo finanziario anche da parte del Ministero dell’Interno.
Per gli sgomberi, che siano programmati o in flagranza, sono state riviste le procedure di esecuzione per renderli più efficaci e mirati soprattutto se sono coinvolte famiglie con minori.
Sarà poi l’intervento degli operatori sociali a stabilire soluzioni di accoglienza temporanea presso strutture comunali o convenzionate.