Home Città Metropolitana Cronaca Il primato di Milano per quanto riguarda l’economia circolare

Il primato di Milano per quanto riguarda l’economia circolare

Milano
milano tecnologia

Per il secondo anno consecutivo il Centro studi in Economia e regolazione dei servizi, dell’industria e del settore pubblico dell’Università di Milano-Bicocca ha elaborato un elenco delle città più virtuose nel campo dell’economia circolare che prevede quindi il riutilizzo delle materie prime e l’attenzione alla sostenibilità.

Rispetto all’edizione del 2019, la nuova classifica ha presentato due importanti novità: il numero delle città prese in esame che è salito da 10 a 20 e l’esame delle capitali europee.
La valutazione è partita da 5 cluster che comprendevano input sostenibili, condivisione sociale, uso di beni come servizi, end of life ed estensione della vita dei prodotti.
A questi sono stati sommati 28 indicatori che includevano l’utilizzo dei trasporti pubblici o dei servizi di sharing mobility, la concentrazione di PM10, la diffusione di eco-brevetti e il numero di aziende che rientrano nella definizione di “green jobs”.
Per ogni indicatore è stata poi elaborata classifica parziale con punteggi assegnati da 0 a 10.

Per quanto riguarda l’Italia il primato spetta dunque a Milano seguita da Trento e Bologna. In fondo alla classifica sono, invece, finite alcune città del sud coma Palermo e Catania.

La stessa analisi condotta sulle capitali europee ha visto assegnare il primato a Copenhagen seguita da Parigi e Berlino.

Nel commentare questi dati Massimo Beccarello e Giacomo Di Foggia, direttore scientifico e ricercatore del Centro Studi hanno sottolineato:
“[…] La Commissione Europea, presentando l’ambizioso progetto Green New Deal lo scorso gennaio, ha collocato l’economia circolare al centro delle nuove politiche europee necessarie per raggiungere gli obiettivi che l’Europa ha sottoscritto a Parigi nel 2015. La sostenibilità è un tema al centro anche del Recovery Fund. Ecco perché è importante partire da una mappatura delle politiche di prossimità del cittadino e da una misurazione dell’efficacia delle aree urbane che sono oggi il motore dello sviluppo economico e sociale”.