Home Città Metropolitana Scuola: il piano d’azione del Comune per la ripresa

Scuola: il piano d’azione del Comune per la ripresa

scuola

In vista della ripresa delle lezioni il Comune di Milano ha elaborato un vero e proprio piano di azione che spazia dalla sicurezza alla logistica.
Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta:
Infanzia
Il Comune ha infine risolto il problema di accesso a nidi e scuole per l’infanzia che si era presentato nei mesi scorsi. Il prossimo 7 settembre le strutture accoglieranno circa 30mila i bambini. Particolare attenzione sarà dedicata ai nuovi iscritti. Saranno, infatti, contattati dalle singole Unità Educative per gli inserimenti che inizieranno con una settimana di ritardo il 14 settembre;
Per i piccoli e gli accompagnatori ci sarà la misurazione della temperatura all’ingresso delle scuole. La stessa procedura sarà applicata anche ai dipendenti;
Il Comune ha quindi provveduto all’acquisto di tutti i dispositivi di protezione individuale e ha previsto un investimento ulteriore per intensificare le pulizie degli spazi scolastici, dei giochi e degli arredi.

Gradi superiori
Per quanto riguarda i servizi di pre e post scuola, il Comune è al lavoro con i presidi sugli orari di ingresso /uscita e sugli spazi disponibili. Terminata questa analisi si provvederà alla riorganizzazione e attivazione del servizio.
Per la refezione, la società incaricata Milano Ristorazione sta ultimando i sopralluoghi per l’organizzazione.
A seconda delle disponibilità potrà avvenire in refettorio su turni o con un sistema misto tra classe e mensa;

Edilizia scolastica
Ci sono stati oltre 700 interventi di manutenzione ordinaria. Per la manutenzione straordinaria saranno ultimati gli interventi già avviati in via Quadronno, Crocefisso, Graf e Crescenzago.
È previsto anche il completamento della nuova costruzione di via Pisa.
Per i cantieri non ultimati sono previsti moduli per la realizzazione di strutture provvisorie.

Trasporti
Le richieste per evitare assembramenti negli orari di entrata e uscita sono arrivati da una trentina di istituti.
Ci potranno essere tre possibili soluzioni:
– car free: in mancanza di un marciapiede largo o uno spazio pedonale e del trasporto pubblico si interverrà sulla viabilità con il divieto di transito ai veicoli nella strada adiacente la scuola, esclusivamente negli orari di entrata e uscita. Le strade saranno presidiate da transenne e cartelli mobili;
– in presenza di marciapiedi larghi o di un’area pedonale definita verranno collocati dei paletti per impedire la sosta irregolare dei veicoli;
– bollinatura: qualora mancassero le condizioni per il car free e i marciapiedi fossero già tutelati, si useranno gli stessi bollini usati nel trasporto pubblico per indicare la posizione più corretta.