Home Città Metropolitana Cronaca La Straberry finisce sotto sequestro per sfruttamento della manodopera

La Straberry finisce sotto sequestro per sfruttamento della manodopera

concorsi

La nota azienda Straberry, famosa per la vendita di fragole e frutti di bosco a partire da una colorata apecar che percorreva le strade di Milano, è finita sotto sequestro.
Il motivo è legato al trattamento irregolare della manodopera, spesso irregolare, impiegata nella raccolta dei frutti all’interno del parco Sud di Milano.
L’indagine è partita da parte della Guardia di Finanza che ha rilevato una serie di irregolarità nella registrazione dei lavoratori assunti.
I finanzieri si sono accorti di una pratica che consisteva nell’assumere i braccianti, registrarli su una banca dati e poi, a distanza di qualche giorno, cancellarli.
Una pratica possibile solo in rare eccezioni e che permetteva all’azienda di sfruttare il lavoro, spesso non retribuito e di tutelarsi in caso di denuncia da parte del lavoratore.
Al momento risultano indagate sette persone: i due amministratori, due “sorveglianti della manodopera”, due dipendenti amministrative che reclutavano i lavoratori e un consulente esterno che compilava le buste paga. Sono accusati, a vario titolo, di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.
Le indagini hanno poi messo in luce le precarie condizioni igieniche sia degli alloggi sia dell’organizzazione del lavoro con il mancato rispetto di tutte ne norme anti-covid.
La situazione non era migliore per i braccianti regolarmente assunti che avevano paghe da fame a 4,5 euro l’ora  ed erano costretti a lavorare anche dalle 8 alle 19, spesso senza pausa pranzo e a ritmi incessanti. Non c’erano spogliatoi e box doccia e per bere era messa a disposizione una sola cannuccia per tutti. Ovviamente chi provava a lamentarsi rischiava di essere cacciato o almeno allontanato un paio di giorni dall’azienda.