Home Città Metropolitana In trasferta per rubare orologi di lusso

In trasferta per rubare orologi di lusso

protesta

La Polizia ha sgominato una banda composta da cinque persone specializzata nel furto di orologi di lusso con base a Napoli ma che aveva commesso reati anche a Milano e a Parigi.
Per tre di loro, pregiudicati, l’ordinanza emessa dal gip Anna Magelli è stata trasmessa nel carcere dove già si trovavano dal marzo scorso per aver messo a segno una rapina ai danni di un uomo al quale avevano sottratto denaro e un orologio di lusso.
La tecnica, poi ripetuta anche a Parigi, era la stessa: percorrevano in moto le strade più trafficate e centrali della città per individuare la vittima. Aspettavano che scendesse dall’auto e quindi la aggredivano per strappargli l’orologio.
Ai tre si è arrivati grazie ai filmati delle videocamere di sorveglianza, ai pedinamenti e all’incrocio dei tabulati telefonici. Si è così scoperto che si erano spostati da Napoli con un’auto a noleggio e avevano usato come punto di appoggio un appartamento in viale Molise.
Stessa modalità per un furto simile che si era verificato a Parigi e al quale si è arrivati grazie alla collaborazione tra gli uffici della Sureté Territoriale (la Direzione Centrale della Pubblica Sicurezza) e la Squadra Mobile di Milano.
Proprio quest’ultima ha notificato il provvedimento di custodia, sempre in carcere, a due cugini italiani, entrambi pregiudicati. Le accuse sono state rapina aggravata e lesioni personali aggravate.
I fatti risalivano al gennaio di quest’anno. La vittima era un anziano di ottantaquattro anni che era stato seguito fin sotto casa, in via Pastorelli zona Ticinese. Dopo una violenta lite i due gli avevano rubato l’orologio e si erano dati alla fuga. La Polizia intervenuta sul posto, aveva però trovato il cellulare perso da uno dei due. L’attività investigativa era partita da lì.