Home Politica Buoni spesa, in tilt il Comune di Milano

Buoni spesa, in tilt il Comune di Milano

supermercato

Il Comune di Milano ha dato il via libera ai voucher per le famiglie in difficoltà ma i troppi accessi al sito dell’amministrazione hanno mandato in tilt il server che ospita il portale. Trecentomila accessi, di fronte a una media di 150mila e domande arrivate già a quota 5.500. C’è una settimana di tempo per fare richiesta (fino alle 9 di lunedì prossimo, 14 aprile), i fondi non verranno comunque elargiti in ordine cronologico di presentazione, ma i candidati sono molti e dovranno dividersi i 7,3 milioni di euro destinati alla crisi delle famiglie per l’emergenza coronavirus.

Una buona fetta di questi, quasi 6 milioni, andranno per la spesa delle famiglie: 150 euro per due mesi per i nuclei con un massimo di tre perosne, 350 per quelli superiori. Potranno essere ritirati con una carta prepagata o una app. La domanda si può fare per via telematica o anche telefonando allo 020202.

Tra i parametri per la scelta di chi potrà accedere al sussidio ci sono il reddito, la perdita del lavoro o di entrate come lavoratore autonomo o precario, la presenza di disabili o anziani, la spesa di un affitto o un mutuo prima casa.