Home Città Metropolitana Cronaca Ospedale di Codogno, primario vicino alla pensione torna dalle ferie per l’emergenza...

Ospedale di Codogno, primario vicino alla pensione torna dalle ferie per l’emergenza coronavirus

medici

Giorgio Angelo Scanzi, 64 anni, è atteso alla pensione a partire da sabato prossimo, 29 febbraio. E’ primario nell’ospedale di Codogno, dove da tre giorni si sta combattendo il coronavirus. Era in ferie ma è tornato per coordinare il lavoro. “Mi sembrava giusto essere qui, ho solo rinunciato a delle ferie – ha dichiarato in un’intervista a La Repubblica – Abbiamo ancora in osservazione tra i 24 e i 25 pazienti. I contagiati sono stati spostati nei reparti infettivi degli altri ospedali. Sono persone che sono venute in contatto con soggetti già contagiati, che hanno dimostrato sintomi della malattia e a cui è stato fatto il tampone e per i quali si è in attesa dell’esito”.

Nel frattempo da sabato sono state prese delle misure eccezionali in tema di trasporti. “Dando seguito all’ordinanza emessa da Regione Lombardia il 21 febbraio 2020 che al punto 8 indica la “interdizione dei mezzi pubblici” dalla giornata di sabato 22 febbraio i treni non effettueranno fermata nelle stazioni di Codogno, Maleo e Casalpusterlengo – scrive Trenord in una nota – In particolare: i treni della linea Milano-Piacenza non effettuano fermata a Codogno e Casalpusterlengo; i treni della Mantova-Cremona-Milano non fermeranno a Codogno. Il servizio è sospeso totalmente sulle linee Pavia-Codogno e Cremona-Codogno. A seguito dell’ordinanza inoltre sarà sospesa l’attività di biglietteria presso le stazioni di Codogno e Casalpusterlengo. Il provvedimento sarà in vigore fino a nuova comunicazione da parte dell’autorità”.