Home cibo Coltivare lo zafferano a Milano

Coltivare lo zafferano a Milano

Si può coltivare un sogno che nasca dalla terra. E’ quello che hanno pensato Ezio Parapini ed Emanuel Umuenu quando hanno deciso di iniziare a coltivare lo zafferano a Settala, nelle campagne intorno a Milano.
Nulla nasce per caso, tanto meno in natura. Quasi due anni di studi in giro per l’Italia e l’acquisto dei bulbi in Abruzzo, hanno permesso che questo sogno si realizzasse. C’è qualcosa di eccezionale in due giovani di 27 e 32 anni che quattro anni fa hanno scelto di diventare agricoltori. Ezio nasce da una famiglia che da due generazioni lavora la terra, mentre Emanuel coltiva la passione per la terra fin da bambino. Ragioniere il primo, progettista di spazi verdi il secondo, si incontrano per caso nel 2016. La scelta di condividere un progetto comune sulla coltura dello zafferano è immediata: Ezio ha il terreno dove farlo ed Emanuel ha gli studi sulla coltivazione già fatti. Nasce così I Prodotti del Contino, all’interno dell’omonima cascina, che oggi produce zafferano, riso, farina gialla e biscotti allo zafferano. Solo per la produzione di quest’ ultimo, hanno impiegato un anno e mezzo per raggiungere la ricetta perfetta, con il giusto equilibrio tra i sapori.
La passione per i prodotti della terra è per Ezio ed Emanuel motivo di ricerca e sperimentazione continua. Ogni anno testano nuove colture. E’ così che sono arrivati a produrre mais e grani antichi. Nei prossimi mesi inizierà la distribuzione delle loro gallette di riso soffiato e mais allo zafferano ed in autunno uscirà la Farina 00 Prodotti del Contino, sempre prodotta con il loro frumento.
Lo zafferano insieme al riso, creano il piatto più famoso e gustoso di Milano. E loro producono entrambi gli ingredienti… Ma non è mancato il panettone allo zafferano (prodotto da una pasticceria di Settala) e la sperimentazione di altri prodotti: dai cioccolatini, ai taralli…
La scelta coraggiosa di due ragazzi di diventare agricoltori è un messaggio chiaro: inseguire i propri sogni costa fatica, ma ne vale sempre la pena