Home Politica Milano potenzia il welfare, altri cinque presidi WeMi in città

Milano potenzia il welfare, altri cinque presidi WeMi in città

Il Comune di Milano ha annunciato il rafforzamento sul territorio della rete WeMi, il servizio di welfare dell’amministrazione attraverso i presidi sociali sul territorio. L’obiettivo è quello di favorire l’integrazione dell’offerta pubblica e privata promuovendo la condivisione dei servizi.

Entro il 2020, secondo quanto annunciato, verrà potenziata la rete degli spazi passando da 11 a 16 presidi sul territorio, in modo da averne almeno uno per ognuno dei nove Municipi presenti in città. Lo strumento è un procedimento di coprogettazione aperto alle associazioni che esprimeranno interesse in tal senso. Per dieci mesi, a partire da marzo 2020, verrà seguito un progetto di sperimentazione con un investimento da 649mila euro.

Il sistema WeMi – dichiara l’assessore alle Politiche sociali e abitative Gabriele Rabaiotti – nasce per creare un’innovativa integrazione dei servizi pubblici e privati di welfare, offrendo ai cittadini presidi sul territorio dove reperire informazioni ed essere guidati nell’iter dell’attivazione delle prestazioni. Vogliamo rafforzare una rete che dal 2017 ha accolto e coinvolto nelle sue attività circa 20mila persone”.