Home Politica Psicologi di quartiere, settecento persone aiutate in otto mesi

Psicologi di quartiere, settecento persone aiutate in otto mesi

Il progetto degli “Psicologi di quartiere” promosso da WeMI insieme all’Ordine degli Psicologi della Lombardia, compie otto mesi e il Comune di Milano traccia un primo bilancio su uno strumento che ha aiutato da aprile in poi quasi settecento persone.

“La rete degli spazi WeMi – dichiara l’assessore alle Politiche sociali e abitative Gabriele Rabaiotti – è nata per creare dei poli, dei punti di riferimento riconoscibili all’interno dei quali tutti i cittadini potessero accedere all’offerta completa dei servizi domiciliari presenti in città e, in particolare, in ciascun quartiere; sia i servizi del Comune di Milano che quelli attivati dal Terzo Settore. Le iniziative e le attività rivolte alle persone e alle famiglie sono cresciute in questi anni e ora è il momento di ricomporle e di riordinarle perché il quadro rischia di risultare frammentato”.