Home Milano In Città Dal deserto alla tela. Memorie di Palmira

Dal deserto alla tela. Memorie di Palmira

Il 30 agosto 2015 viene diffusa la notizia della distruzione del Tempio di Bel, nel sito archeologico di Palmira, occupato dai miliziani dell’Isis il 21 marzo dello stesso anno. La notizia è confermata il giorno seguente dall’Onu grazie a foto satellitari, insieme alla devastazione del Tempio di Baalshamin.

È in questi mesi che Michela Zasio comincia a riportare su tele di grande formato le immagini dei monumenti di Palmira, visitati anni prima e divenuti spunto creativo nell’urgenza della loro cancellazione. Un’opera intensa, una serie di quadri esposti per un primo periodo a Dubai e ora ospitati nello spazio V&A della Fabbrica del Vapore di Milano.

Mercoledì 2 ottobre 2019 alle ore 18:00 allo spazio V&A della Fabbrica del Vapore di Milano in via Giulio Cesare Procaccini 4, si inaugura la mostra “Dal deserto alla tela. Memorie di Palmira“, personale di Michela Zasio dedicata all’antica città siriana.

Quattordici tele di grandi dimensioni immergono il visitatore in una dimensione onirica. Le immagini di questi antichi monumenti ormai distrutti galleggiano come sprazzi di luce e colore negli ambienti di archeologia industriale della Fabbrica del Vapore.

I resti del Teatro, il Tempio di Bel, l’Arco monumentale del Grande Colonnato, il Temenos sopravvivono in queste tele sconfiggendo la furia iconoclasta che ha cercato di cancellarli dalla memoria dell’umanità. Impressi sulla tela con mano sapiente, rivivono oggi davanti allo spettatore forti del loro carattere eterno.

“Quando ho potuto ammirare i recenti lavori di Michela Zasio dedicati ai templi palmireni distrutti dall’ISIS – scrive Andrea Vento nella prefazione al catalogo – non ho avuto dubbi sulla necessità di produrre ed ospitare questa bella mostra presso lo Spazio V&A alla Fabbrica di Vapore di Milano.

L’Avv. Giampaolo Berni Ferretti Presidente di Milano Vapore aggiunge: “Abbiamo voluto questo ciclo di eventi chiamato “Stati Generali del Mediterraneo” proprio per ricominciare a lavorare per un luogo che sia di pace, benessere e sviluppo, ovvero a volere un: Mediterraneo mare che unisce, incontro tra le culture e luogo di sviluppo”.

Berni Ferretti
Avv. Giampaolo Berni Ferretti

La mostra, allestita dall’architetto Giuliana Zanella, è visitabile da lunedì a venerdì dalle 10:00 alle 19:00 fino al 24 novembre.