Basta un calcio di rigore di Krzysztof Piątek a regalare al Milan il successo sul campo dell’Hellas Verona, punito dal dischetto dopo un fallo di mano di Gunter su tiro di Calhanoglu. Una partita difficile per i rossoneri, nonostante la superiorità numerica sopraggiunta fin dal 21′ per un intervento di Stepinski ritenuto da rosso diretto dal direttore di gara. Nel recupero del secondo tempo fuori anche Calabria, che salterà il derby di Milano per squalifica. Proprio a seguito del suo intervento al limite dell’area l’Hellas ha avuto con Miguel Veloso la chance per poter impattare a pochi secondi dal triplice fischio di Manganiello. Il successo consente al Milan di arrivare a quota sei punti dopo la sconfitta di Udine e le due vittorie per 1-0 contro Brescia e Verona.

Il gol è fondamentale per i rossoneri e anche per Piatek, che ancora non aveva centrato il bersaglio in questa stagione ma è riuscito lo stesso a realizzare con freddezza dagli undici metri e ha condito la trasformazione con una polemica esultanza, mettendo il dito davanti alla bocca per zittire i critici.