Home Prima Pagina Formigoni, due ore al giorno di libertà dai domiciliari per il volontariato

Formigoni, due ore al giorno di libertà dai domiciliari per il volontariato

Due ore al giorno di libertà, al mattino, per andare a fare volontariato all’istituto religioso Piccolo Cottolengo Don Orione insieme ad anziani e disabili. Roberto Formigoni sta vivendo le prime ore dopo la scarcerazione avvenuta nel primo pomeriggio di lunedì. Cinque mesi dopo l’ingresso nel carcere di Bollate, oggi la sua casa è quella di un amico (Walter Maffenini, docente di statistica alla Bicocca) che lo ospita e dal quale appartamento potrà uscire solo per una piccola finestra concessa dai giudici, almeno fino a quando non finirà di scontare la pena per corruzione comminata dai giudici al termine del processo Maugeri – San Raffaele.

L’ex presidente della Regione non può concedere interviste, ma secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, avrebbe confidato all’amico che lo ospita di aver “accettato e rispettato la sentenza”, pur essendo convinto di “non aver mai compiuto reati”. “Mi ha aiutato la fede e l’educazione a guardare gli altri negli occhi”, avrebbe confidato all’amico.