Home Turismo Federalberghi, Milano seconda in Italia per gettito dall’imposta di soggiorno

Federalberghi, Milano seconda in Italia per gettito dall’imposta di soggiorno

Il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca ha presentato la relazione di apertura della 69a assemblea generale oggi a Capri. Tra i temi centrali: l’imposta di soggiorno. “Sono 1.020 i comuni italiani che applicano l’imposta di soggiorno (997) o la tassa di sbarco (23), con un gettito complessivo che nel 2019 si avvia a doppiare la boa dei 600 milioni di euro – dice il massimo dirigente – A quasi dieci anni dalla reintroduzione del tributo dobbiamo purtroppo constatare di essere stati facili profeti. La tassa viene introdotta quasi sempre senza concertare la destinazione del gettito e senza rendere conto del suo effettivo utilizzo. Qualcuno racconta la storiella dell’imposta di scopo, destinata a finanziare azioni in favore del turismo. In realtà è una tassa sul turismo, il cui unico fine sembra essere quello di tappare i buchi dei bilanci comunali”.

I dati dicono che Milano è seconda in Italia tra le città per importanza del gettito dell’imposta di soggiorno (45.427.786 euro) dietro a Roma (130.000.000 euro). “L’incasso delle prime quattro (Roma, Milano, Venezia e Firenze) è superiore a 240 milioni, oltre il 58% del totale nazionale – racconta ancora Bocca – Il peso delle grandi città si fa sentire anche sulla classifica regionale, guidata dal Lazio con quasi 135 milioni di euro. Seguono il Veneto con 63,7, la Lombardia con 59,5 e la Toscana con 57,4. In queste quattro regioni viene raccolto il 67,1% del gettito complessivo”.