Home Bambini Mense di Peschiera, risponde il sindaco

Mense di Peschiera, risponde il sindaco

Dopo le polemiche dei giorni scorsi per l’ingresso all’interno del menù della mensa ingredienti come cous cous e pinzimonio di verdure, in assenza della carne di maiale, l’amministrazione comunale di Peschiera Borromeo ha risposto tramite il primo cittadino, Caterina Molinari.

“Ho aspettato qualche giorno – scrive il sindaco attraverso i social network con una lunga e articolata risposta – prima di commentare questa assurda e incredibile vicenda che ha colpito Peschiera in questi giorni. Assurda, perché ha scomodato ex onorevoli, assessori e consiglieri regionali che hanno fatto esercizio di dichiarazioni prive di alcun fondamento. Incredibile, perché si è usata la buona fede e le preoccupazioni dei genitori per creare un caso sociale senza precedenti. Il menu è stato elaborato, revisionato e validato da ATS Milano Città Metropolitana. Il nostro fornitore ha un’esperienza di svariati anni nella ristorazione scolastica, ha elaborato percorsi di alimentazione per bambini e ragazzi di altissima qualità e che hanno ricevuto, non più di 6 mesi fa, il plauso dell’Assessore Regionale Giulio Gallera. Il menu proposto nelle nostre scuole prevede una porzione di proteine al giorno, nell’arco della settimana prevede una porzione di carne e sono stati privilegiati pollo e vitello. Lo stesso menu prevede una porzione di carboidrati al giorno, e in un solo caso su venti viene proposto cous cous, che per altro, al contrario di quanto afferma Meloni, è un piatto tipico della nostra tradizione nazionale (chissà che ne pensano gli amici di San Vito Lo Capo). Nella nostra città – conclude Molinari – non si fa politica sulla pelle dei nostri bambini e sulle preoccupazioni dei loro genitori. Preoccupazioni lecite e legittime, che troveranno ascolto nelle sedi opportune. Come nelle sedi opportune ci occuperemo di segnalare chi, senza alcun riguardo per il diritto dei bambini a non essere coinvolti in ridicole bagarre politiche, pensa di poter diffamare il nome della nostra città senza conseguenze”.