Home Cultura e Spettacolo Milano Zona 1 XXV edizione Atelier Musicale

XXV edizione Atelier Musicale

60
0
Atelier Musicale

Nozze d’argento per l’Atelier musicale che inizierà la sua 25esima stagione Sabato 6 Ottobre 2018. Si svolgerà come di consueto all’Auditorium di Vittorio della Camera del Lavoro grazie all’impegno dell’Associazione Secondo Maggio.

Una rassegna interessante che propone agili programmi di sala e preziose guide all’ascolto dei concerti e che si svolge il sabato pomeriggio, consentendo così la partecipazione anche a un pubblico impossibilitato a uscire la sera. Un anniversario importante come afferma il direttore artistico Maurizio Franco:

“Ciò significa che l’Atelier, pur tra mille difficoltà, è diventato un appuntamento entrato a far parte del panorama culturale della città. Quest’anno un discreto spazio sarà dedicato alla “canzone”, declinata in tema cinematografico, lead, canzone classica, americana, italiana e popolare, attraverso un percorso articolato”.

In linea con la filosofia della manifestazione e con la sua tradizione progettuale, anche questa edizione è stata elaborata facendo dialogare personalità e linguaggi storici e artisti contemporanei. Sabato 6 Ottobre 2018 inizierà la nuova edizione Paolo Tomelleri che in settetto proporrà pagine trascurate tratte dal songbook americano di più vecchia data (con Irene Natale, voce; Sophia Tomelleri, sassofono; Emilio Soana, tromba; Fabrizio Bernasconi, pianoforte; Marco Mistrangelo, contrabbasso; Tony Arco, batteria), quindi sarà la volta dell’Orchestra Classica di Alessandria (13 ottobre), ensemble cameristico-sinfonico protagonista di un programma costruito sui temi per il grande schermo (da Morricone a Bacalov e Rota) e poi si arriverà a un singolare mix di canzoni e lied raccolti in due secoli di musica nel programma di 17 novembre di Antonio Ballista, figura simbolo del pianismo classico italiano.

Più avanti, la grande canzone italiana sarà uno dei perni del piano solo di Enrico Intra (24 novembre), che guarderà a Modugno, Jannacci, Paoli, D’Anzi, Kramer e Bruno Martino, mentre Luca Maciacchini racconterà Milano attraverso le canzoni di Svampa, Valdi e Gaber (26 gennaio 2019). Milano potrà rivivere anche nei brani jazz degli anni Cinquanta e Sessanta selezionati dal trio Angelucci-Dulbecco-Recchia (9 febbraio), che rileggerà le composizioni di Gaslini, D’Andrea, Intra, Valdambrini, Cerri e altri protagonisti della scena jazzistica cittadina dell’epoca. A questo filone si aggiungeranno l’esibizione del sassofonista Claudio Fasoli (20 ottobre), presente con il quintetto Samadhi per proporre i brani del disco “Haiku Time”; il concerto del trombettista Gabriele Mitelli (10 novembre), in quartetto con un trio di brillanti musicisti inglesi; il live del gruppo Hadeniana (23 febbraio 2019), con una proposta dedicata al mondo musicale di Charlie Haden, il compianto contrabbassista e compositore americano.

Un grande ritorno nel capoluogo lombardo sarà poi quello di Alvin Curran (27 ottobre), maestro della musica concreta ed esponente storico del collettivo di free improvisation Musica Elettronica Viva, che suonerà insieme al trombettista jazz Marco Mariani e a Gianluca Codeghini, protagonista della cosiddetta noise music. Inoltre tre duetti particolari: dalla Svizzera arriverà la voce di Katrin Frauchiger (1 dicembre), accompagnata al pianoforte da Tobias Schabenberger, in un programma di rarità vocali e prime esecuzioni, quali alcuni testi poetici di Gianni Bombaci messi in musica da Giuseppe Garbarino. Il duo viola-pianoforte sarà, invece, proposto dal collaudato sodalizio Ronchini-Cattarossi (9 marzo 2019), che affronterà pagine del Novecento tra loro molto diverse, da Piazzolla a Milhaud, così come faranno il pianista Alfonso Alberti e la violinista Malika Yessetova (19 gennaio 2019), cimentandosi con autori e musiche che spaziano dal secondo Novecento a oggi: da Dallapiccola a Intra, da Castiglioni a Ivan Fedele, da Franco Donatoni a Niccolò Castiglioni.

Il pianista e compositore siciliano Giovanni Mazzarino e la cantante Daniela Spalletta porteranno in scena, il 12 gennaio prossimo, il progetto “Sikania”, singolare affresco jazzistico ispirato alla Sicilia, idealmente un’opera jazz, dove l’idea stessa di brani cantati rimanda al filone principale – quello del song – di questa edizione. Un appuntamento, sabato 16 febbraio, sarà dedicato ai giovani vincitori di due importanti concorsi nazionali (il Premio Nazionale delle Arti e il Premio Nazionale di Esecuzione Musicale Città di Chiavari), mentre per l’ultima data (16 marzo) gli organizzatori hanno previsto un omaggio all’Atelier stesso, con la partecipazione di dieci grandi musicisti e interpreti (tra cui Enrico Rava, Claudio Fasoli, Paolino Dalla Porta, Franco D’Andrea, Paolo Tomelleri, Enrico Intra e Clelia Cafiero), legati in modo particolare a questa manifestazione. Ognuno di loro suonerà un brano in solo che, nell’insieme, contribuirà a realizzare una sorta di album con dieci piccole storie musicali dedicate a una rassegna unica nel suo genere.