Home Città Metropolitana Cronaca Tangenti sanità, Brenicci patteggia tre anni

Tangenti sanità, Brenicci patteggia tre anni

Palazzo di Giustizia

L’imprenditore Tommaso Brenicci, arrestato lo scorso aprile nell’ambito delle indagini per le tangenti agli ospedali Cto-Pini e Galeazzi, ha patteggiato una pena a tre anni di carcere e un risarcimento di 135mila euro. Brenicci, arrestato con altre cinque persone e finora ai domiciliari, ha trovato un accordo con i procuratori aggiunti Letizia Mannella ed Eugenio Fusco davanti al giudice di Milano Guido Salvini, che ha concesso all’imputato le attenuanti generiche (l’imprenditore è incensurato) e per le ammissioni riguardo ai fatti contestati avvenute durante il percorso processuale affrontato.

Gli altri quattro imputati dovranno invece affrontare il processo al via il prossimo 7 novembre. Ha invece già patteggiato l’ex primario del Cto-Pini Pier Giorgio Maria Calori, condannato a due anni e dieci mesi, un’interdizione per otto mesi e un risarcimento da 370 mila euro.