Home Milano In Città Arte e cultura Triennale Design Museum: il Design italiano

Triennale Design Museum: il Design italiano

Design italiano

Prosegue l’undicesima edizione della Triennale Design Museum (14 aprile 2018 – 20 gennaio 2019) con lo scopo di raccontare e far conoscere la storia del Design italiano attraverso 180 opere selezionate (a cura di Maddalena Dalla Mura, Manolo De Giorgi, Vanni Pasca, Raimonda Riccini).

La selezione proviene dalla Collezione Permanente della Triennale Design Museum, con opere realizzate tra il 1902 e il 1998 e individuate come le più esemplari del design italiano.

Il percorso inizia con una riflessione di Chiara Alessi dedicata al Contemporaneo allestendo un vero e proprio negozio attivo e funzionante. Così l’Alessi descrive lo store:

“Il mercato che il pubblico vedrà deve molto alla capacità visionaria dello studio Calvi Brambilla (progettazione) e Leonardo Sonnoli (comunicazione visiva), che sono riusciti a sciogliere in maniera potente la mia intuizione in principio nebulosa. La visualizzazione che hanno dato segue la metafora di una città, contemporanea ma anche distopica, di cemento crudo, specchi e luci al neon. Lungo questa strada si aprono vetrine in cui sono messe in scena diverse modalità che hanno a che fare con produzione, vendita, promozione e distribuzione del design contemporaneo”.

Per quanto riguarda la vendita:

“Ci sarà una macchina alta sei metri: di fatto uno store completamente automatizzato che sono riuscita a costruire grazie alla generosità della Icam. Ci saranno prodotti open source, personalizzabili dal visitatore e realizzati in sito apposta per questa occasione. Progetti da finanziare con il crowdfunding. Prodotti gratuiti, in cambio di una visita allo studio che li ha creati. Pezzi unici battuti all’asta. Di tutto. Venti progetti sono stati disegnati appositamente per questa edizione del TDM e verranno venduti attraverso un sito di e-commerce ad hoc, gestito interamente dalla Triennale. Uno sforzo importante da parte del Museo, del quale ringrazio il direttore Silvana Annicchiarico e tutta la sua squadra”.

I materiali esposti seguono un ordine cronologico (1902-1998) mentre i cinque approfondimenti tematici, attraverso i quali le opere vogliono essere spiegate e raccontate, sono dedicati a grandi temi quali: Politica, a cura di Vanni Pasca, Geografia ed Economia, entrambi a cura di Manolo de Giorgi, Tecnologia, a cura di Raimonda Riccini, Comunicazione, a cura di Maddalena Dalla Mura.