Home Milano In Città Rapporto Ossif, calo di un terzo delle rapine in banca

Rapporto Ossif, calo di un terzo delle rapine in banca

L’indagine Ossif sulle rapine in banca nel 2017 dimostra una situazione in miglioramento. I colpi si sono infatti ridotti di un terzo, calando di un anno del 32,8%: da 360 del 2016 a 242 del 2017. In dieci anni il crollo è stato addirittura del 92% (nel 2007 erano state 2.972).

Tre regioni hanno chiuso l’annata senza nemmeno una rapina, si tratta di Friuli-Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta. Forti le diminuzioni anche nelle regioni solitamente più colpite, come la Lombardia (-45,8% da 59 a 32) o l’Emilia (-41,5%, da 41 a 24), fino alla Sicilia (-73,1%, da 52 a 14). Tre regioni anno visto un aumento, due in misura minima (la Basilicata da 1 a 2 e la Sicilia da 0 a 1) e l’ultima con un forte innalzamento (la Puglia da 18 a 40).

“Le banche italiane – si legge nel rapporto – investono ogni anno circa 636 milioni di euro per rendere le proprie filiali ancora più protette e sicure. Adottando misure di protezione sempre più moderne ed efficaci e formando i propri dipendenti anche attraverso un’apposita Guida antirapina che recepisce i suggerimenti delle Forze dell’Ordine. Lo scorso 14 maggio l’Abi e il Dipartimento di Pubblica Sicurezza del ministero dell’Interno hanno rinnovato il protocollo d’Intesa per rafforzare la collaborazione, attraverso dialogo e scambio di informazioni, e contrastare in modo sempre più efficace il fenomeno criminale delle rapine in banca”.