Home Città Metropolitana Cronaca Presunto foreign fighter, nessuna notizia dal 2015: procedimento sospeso

Presunto foreign fighter, nessuna notizia dal 2015: procedimento sospeso

Palazzo di Giustizia

Il giudice per l’udienza preliminare di Milano, Luigi Gargiulo, ha sospeso il procedimento nei confronti del presunto foreign fighter Ahmed Taskou, cinquantenne di origini marocchine che nel 2004 è partito per l’Iraq con la moglie (originaria del Marocco) e la figlia quindicenne. Da novembre 2015, dopo gli attentati di Parigi, non si hanno più notizie né di lui, né dei familiari. L’ultima traccia di vita è un video pubblicato proprio in quei giorni su Youtube per minacciare l’Occidente.

L’uomo risiedeva a Bresso dal 2007 e lavorava presso un’impresa di pulizie. Negli anni successivi è diventato un affiliato dell’Isis, tanto da diventare un “elemento importante di propaganda” secondo le indagini condotte dal pool antiterrorismo di Milano, coordinato da Alberto Nobili e dal pm Enrico Pavone. Prima di allora non aveva avuto alcun procedimento a suo carico.